Yeah! Atlanta

Yeah! Burger, Atlanta

 

COSA: un hambuger diverso dal solito

DOVE: Yeah! Burger, Westside Provisions District – Atlanta, Georgia

QUANDO: a pranzo o a cena

PERCHÉ: per esplorare un quartiere diverso della città

 

Ho avuto l’occasione di visitare questa tipica metropoli del Sud degli Stati Uniti per la mia prima conferenza internazionale (sì, perché la mia prima conferenza in assoluto è stata a Pistoia.

Inutile dire che sia stata un’esperienza fantastica che ha accresciuto il mio livello di maturazione a livello professionale (potete solo immaginarvi cosa significhi per una dottoranda al primo anno essere circondata da professori di fama internazionale e spiegare davanti a questi pozzi di sapienza la propria ricerca che sbiadisce già solo a stare di fronte a tutti quegli anni di lavoro ed esperienza).

Ma quel che più mi ha stupito, da intrepida viaggiatrice solitaria quale ritengo (impropriamente!) di essere, dopo alcune esperienze di vita e di viaggio da sola che mi sono trovata a fare negli anni, è stata la difficoltà con cui mi sono trovata ad affrontare una settimana ad Atlanta in totale solitudine.

Gli ostacoli più grossi sono stati sicuramente due: il trasporto (impossibile muoversi senza una macchina, quindi vi lascio fare il conto degli uber che ho dovuto prendere per essere scarrozzata ovunque) e la difficoltà ad orientarsi in una metropoli tanto vasta quanto diversificata nei suoi innumerevoli quartieri (dei quali non tutti sono accessibili a una ragazza bianca da sola, va detto!).

Ciò nonostante, sono grata di aver potuto vedere una faccia diversa della solita America (che non è solo New York e California!) come gli stranieri credono, ma scoprire invece il vero volto di un paese che tutti credono di conoscere ma che solo in pochi hanno veramente visto.

 

 

L’ultimo giorno della mia permanenza ad Atlanta, dopo aver esaurito tutti i must-visit da brava turista (CNN, World of Coca-Cola e Martin Luther King Jr. Museum), mi sono spinta (con l’ennesimo uber) fino al Westside Provisions District, uno dei tanti poli commerciali sorti dalle ceneri di edifici industriali dismessi e ridotti a scheletri. Merita una visita solo per il complesso architettonico!

La food court è vasta e dislocata nei tanti edifici degli isolati circostanti, ma avevo già le idee chiare: provare il ben noto (ad Atlanta!) Yeah! Burger.

 

 

Location accattivante, menù interessante con tantissime opzioni con cui creare il tuo customized burger, dal bun (pane, tra cui ovviamente spicca l’opzione glutenfree!) alle salse, ogni singola voce permette di scegliere tra i classici gusti agli accostamenti più disparati.

Il mio vegan glutenfree burger era davvero qualcosa di spaziale!

 

 

IL GIUDIZIO DI VITTO

 

POSIZIONE: 

LOCATION: 

CIBO: 

SERVIZIO: 

PREZZO: 

 

La location merita da sola una visita, ma con un menù totalmente customizable non si può non provare almeno una volta! Tappa fissa per chi passa da Atlanta.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.